Laura Ferrari 01 settembre 2021 4 min

A/B Testing: a che serve e come usare questa funzione

L' A/B Testing analizza due versioni della stessa risorsa, scoprendo quale delle due è la più performante. Anche piccole modifiche ad un’email, ad un invito all’azione oppure ad una Landing Page possono influire in modo significativo sul numero dei Lead attratti dai canali del tuo Business. 

Che cos'è un A/B Testing ed a cosa serve?

L'A/B Testing è una strategia di Marketing che mostra casualmente due versioni della stessa risorsa a diversi utenti, per esempio il testo di una Call-to-Action. L’obiettivo è quello di analizzare le due versioni e scoprire quale delle due è più efficace e vantaggiosa. La casualità è fondamentale perché fornisce informazioni più precise sui risultati.

Grazie a questi test si raccolgono dei dati empirici che aiutano a capire quali strategie di Marketing funzionano meglio per il tuo Business, veicolando più traffico sul tuo sito Web e generando più Lead dalle visite che ricevi. Inoltre, aiutano a capire meglio il tuo Target, a raggiungere tassi di conversione più alti, diminuendo i Bounce Rate. Per ultimo ma non meno importante, ti facilitano ad essere al passo con le tendenze ed a tal proposito a conoscere i cambiamenti del comportamento dei consumatori.

Prima di iniziare un test è importante avere un’idea chiara dei risultati che si vogliono ottenere. È fondamentale conoscere già il risultato base, ossia quello che si sta ottenendo attualmente che può essere rappresentato come la variabile A, mentre per B si deve usare una variabile nuova che abbia lo stesso scopo della prima ma con qualche piccola variazione, magari nei contenuti. I test devono essere eseguiti simultaneamente per tenere conto delle variazioni nel tempo.

 

Quanto tempo richiede un A/B Testing?

L'A/B Testing richiede tempo, a seconda della quantità di traffico che ricevi. Solitamente un mese è più che sufficiente per eseguire il test perché assicura una quantità di traffico piuttosto omogenea. 

Ricordati che per ottenere dei risultati accurati è meglio eseguire solo un test alla volta.

 

Ora sappiamo cos’è un A/B Testing, ma quali sono le variabili migliori da testare e modificare?

Sono tante le caratteristiche che si possono testare, la scelta dipende soprattutto anche dai vostri obiettivi.

Di seguito trovi gli esempi più comuni di alcuni A/B Testing:

  • Headlines
  • Testi Call-to-Action
  • Posizione Call-to-Action
  • Pop-Ups
  • Immagini o video
  • Copy
  • Numero di campi in un modulo
  • Newsletter

 

Sei interessato a fare un A/B Testing su alcune variabili ma non sai come farlo?

Ti possiamo aiutare noi con il software HubSpot che offre un Kit completo di A/B Testing, al suo interno troverai 10 linee guida per un test A/B efficace, quali variabili dovresti testare, un semplice calcolatore di significato per tenere traccia dei tuoi risultati e infine un modello per aiutarti a monitorare, organizzare e migliorare i tuoi test.

Scopri di più sul mondo HubSpot 

avatar

Laura Ferrari

Laureanda in Scienze della Comunicazione e Ricerca dei Media presso l'Università di Zurigo. Adora i Social Network ed è un'appassionata Editor in erba, curiosa di scoprire le dinamiche SEO e tutti i Trend del mondo digitale.