Blog

Perché usare HubSpot, un confronto con Wordpress

Perche usare HubSpot un confronto con Wordpress
author

Emanuel Paglicci
Primo in Ticino ad aver introdotto HubSpot e la metodologia Inbound, 12 certificazioni acquisite. Contributor nel blog di SEMrush e Webintesta.it. Co-docente del corso: APF Specialista in Marketing (SMS School). Speaker e Autore del libro "I contatti servono se sai trasformarli in clienti ricorrenti" (Dario Flaccovio editore).

#inboundmarketing   #hubspot  

09 agosto, 2018 - 5 min di lettura

Per avere successo con il proprio sito web e utilizzarlo in modo corretto per ottenere contatti e aumentare i clienti, grazie all’Inbound Marketing, hai necessità di un sistema di gestione dei contenuti (CMS). Wordpress è il più utilizzato al mondo, grazie alla sua semplicità d’uso. Ma HubSpot è quello che meglio si confà al raggiungimento degli obiettivi di business.

Ecco quindi un confronto tra le due piattaforme, tenendo ben presente che grazie all’impostazione data da HubSpot entrambe possono coesistere mantenendo l’armonia grafica.

Che cosa è e come funziona Wordpress in breve

Wordpress è una piattaforma Open Source (gratuita) diffusa in principio per realizzare il proprio blog personale. Nel tempo, sviluppatori di tutto il mondo hanno lavorato in maniera indipendente per consentire di realizzare siti web dinamici, funzionali che soddisfano ogni esigenza. Wordpress oggi è la piattaforma dominante: viene impiegato da aziende di grosso nome, è tradotto in più di 100 lingue e si stima che quasi un sito su 3 sia realizzato impiegando questa risorsa giunta alla versione 4.9.7.

Grazie a Wordpress un sito aziendale può essere dotato, tramite plugin compatibili, di ogni funzionalità non presente nella versione di base, come i form di contatti, l’ottimizzazione delle pagine per i motori di ricerca (SEO), mappe, e-commerce, gallerie di media e naturalmente una gestione interna dell’e-mail marketing e delle proprie campagne di inbound marketing.

Wordpress può risultare semplice da usare per un profano, ma in realtà, fin dal momento dell’installazione sono necessarie competenzendi base superiori alla media. Anche se il sistema, al suo interno, è progettato per pubblicare contenuti al volo. Mantenendo la sua missione originaria.

Che cosa è HubSpot e come funziona

Di HubSpot abbiamo già parlato diffusamente nelle nostre pagine. Quando si parla di HubSpot si fa riferimento a una società leader nel settore dell’Inbound Marketing e delle tecniche di acquisizione dei clienti sul web. Tuttavia, definire così HubSpot è molto limitante: HubSpot è una piattaforma di Marketing Automation, un CRM, ma anche un CMS completo che consente di creare Landing Page, articoli di blog perfettamente ottimizzati lato SEO (non c’è bisogno di plugin come nel caso di Wordpress), progettare campagne di E-mail Marketing e acquisizione di contatti, nonché una reportistica completa che funge da ottimo sostituto di plugin e tool.

Grazie a strumenti come questi con HubSpot si possono creare campagne di Web Marketing complete, che possono essere monitorate articolo per articolo, sapendo in Real Time quali parti del sito lavorano meglio, quali sono da migliorare. Inoltre, grazie agli strumenti SEO quali opportunità cogliere per aumentare il traffico dai volumi di ricerca, notoriamente quello più abbondante e qualificato. Con HubSpot è possibile pianificare l’attività editoriale creando dei progetti, monitorabili grazie a un preciso sistema di notifiche.

HubSpot Vs Wordpress: chi vince?

Se devo creare e gestire un blog

Wordpress nasce proprio come piattaforma di blogging. Quando sono nati i blog, all’inizio degli anni 2000, è sorta l’esigenza di creare un sistema per pubblicare rapidamente, ma che si potesse ospitare all’interno di un proprio spazio server in affitto piuttosto che gestirlo in spazi gratuiti, ma di proprietà del fornitore (come Blogger di Google, Typepad). Wordpress.org nasce per coprire questo spazio.

La stessa società che ha sviluppato Wordpress ha poi iniziato ad offrire un servizio di secondo livello come Wordpress.com, basato su Wordpress appunto, con il quale gli utenti possono aprire gratuitamente un blog. Ma questo servizio non è funzionale a chi vuole fare del blog un vero strumento. Wordpress.org rimane la soluzione ideale anche rispetto ad HubSpot che nasce invece come una piattaforma globale con la quale tu imprenditore gestisci sito web e blog (e molto altro ancora) e unisci la parte di creazione dei contenuti a quella di marketing e sales (vendite).

Tuttavia, se si vuole fare business, anche con il blog, HubSpot è più performante. Ha tutto ciò che serve per avere successo online: la parte SEO è compresa nel pacchetto, non sono necessari plugin che appesantiscono la navigazione. Inoltre, la produzione di contenuti è sincronizzata al meglio con un percorso di acquisizione clienti e con la condivisione sui social media.

Sito aziendale

Wordpress è stato utilizzato fin dagli albori per creare siti aziendali, ma naturalmente essendo nato allo scopo di pubblicare un blog, necessità di plugin aggiuntivi. Dei componenti che servono ad accrescerne le funzionalità, che invece sono presenti in HubSpot.

Più plugin si inseriscono maggiori sono i rallentamenti. Wordpress poi manca di un sistema di analisi e per fare Web Marketing deve ricorrere a plugin esterni che nelle versioni PRO, necessarie a fare sul serio, comportano dei costi esterni.

Un buon tema aziendale di Wordpress costa almeno 50-55 CHF e dev’essere personalizzato, quindi occorre preventivare comunque l’intervento di un Web Designer professionista. Nei costi di HubSpot (fermo restando che come CRM è gratuito) non rientrano plugin aggiuntivi: le funzionalità di Web Marketing avanzato e sito intelligente (che cioè sfrutta l’intelligenza automatica per mostrare agli utenti i contenuti più adatti) sono presenti fin dalla realizzazione del sito o del blog.

HubSpot è versato all’acquisizione dei clienti: sfrutta la parte di contenuto per raggiungere obiettivi di marketing e di vendita, attraverso un percorso (Workflow) dettagliato e funzionale di cui abbiamo dato conto dettagliatamente in questa pagina dedicata ad HubSpot.

Quale CMS è più sicuro tra Wordpress e HubSpot

Potendo contare su un pacchetto completo che non necessità di estensioni e plugin, HubSpot è molto più sicuro di Wordpress. Quando in Wordpress si aggiungono plugin, si inseriscono sostanzialmente dei file in PHP che possono essere bucati da hacker e malintenzionati, sfruttando magari delle incompatibilità. Wordpress ha di buono che si aggiorna spesso, sia nella piattaforma, sia nei plugin.

Ma questo è chiaramente indice del fatto che non è un prodotto sicuro al 100%. Per renderlo tale occorre fare delle ottimizzazioni avanzate, installare plugin PRO, senza avere la totale garanzia di uno scudo. E questo è chiaro perché avviene: essendo usato da un utente su tre è un CMS redditizio per un hacker che vuole bucare più siti contemporaneamente.

Gli basta lanciare un BOT per trovare tutti quei siti in Wordpress che hanno installato magari un plugin obsoleto, per riuscire in un attacco di massa che può comportare, oltre alla perdita del lavoro anche la perdita di posizioni su Google dovuta a una penalizzazione.

HubSpot invece utilizza il protocollo di sicurezza SSL come nativo, divenuto determinante a partire da luglio 2018, compreso nel pacchetto. Per quel che riguarda le installazioni in Wordpress bisogna scegliere un piano hosting che lo comprenda senza un sovrapprezzo iniziale. Ci sono servizi di Hosting anche low-cost che lo fanno che sono abbastanza attendibili.

Landing page e Call-To-Action

Dove HubSpot trionfa nettamente su Wordpress è nella pianificazione delle campagne di Web Marketing e negli strumenti necessari per concretizzarle (cioè trovare più contatti interessati alla tua attività sul web).

Wordpress consente di pubblicare o pagine o articoli. Se acquisti un tema di valore è possibile che ci siano pagine demo adatte a fare da Landing Page, ma il valore aggiunto lo mette la misurazione.

Con HubSpot puoi fare test A/B cioè test di controllo sull’efficacia delle Landing Page, che ricordiamo servono a convincere l’utente a fare una determinata azione, tramite il pulsante di Call-To-Action (darti l'e-mail, iscriversi alla Newsletter, chiedere un preventivo, etc.. etc..).

HubSpot integra le Landing dal momento della realizzazione fino alla messa online e verifica, consentendo di fare test A/B per ottenere il massimo da ciascuna pagina, che viene seguita e monitorata nel suo rendimento.

Wordpress non consente di:

  • Gestire fasi di Marketing Automation. Si possono integrare strumenti a pagamento come AWeber, GetResponse, MailChimp o Active Campaign, ma HubSpot ha il suo sistema integrato: efficiente e leggero.
  • Attuare l'Email Marketing per fidelizzare i clienti, attrarne di nuovi, gestire una parte del funnel di vendita.
  • Creare liste e segmentare il traffico: per sfruttare al meglio i contatti raccolti online e gestire le fasi di vendita.
  • Avere un CRM interno per gestire tutte le fasi di vendita

Conclusione

HubSpot è quindi la scelta ideale per unire le fasi di marketing e vendita e disporre di un sito che sfrutta al meglio l’intelligenza artificiale, la nuova frontiera della rete, che porterà a una maggiore comprensione della stessa.

Wordpress è uno strumento per certi versi eccezionale, per la sua praticità e duttilità, ma necessita di aggiunte che in HubSpot si trovano.

Questa compattezza di HubSpot consente ai nostri clienti più motivati e ambiziosi di raggiungere risultati di livello pro: più traffico, più contatti e una crescita complessiva del business.

DEMO GRATUITA

Vuoi toccare con mano come HubSpot può fare impennare il business della tua azienda? Se sì, prenota ora una demo gratuita.

 

PRENOTALA SUBITO!