Marianna Barracane 25 giugno 2021 6 min

Gli eventi del futuro: quattro chiacchiere con WYTH

Eventi digitali o in presenza? Questa è sicuramente una domanda frequente, negli ultimi mesi. Come si fa a mantenere il contatto umano durante un evento in Streaming?

Tutti ricorderemo per sempre il 2020 per i motivi più disparati tra cui la mancanza di eventi ma anche -e soprattutto- come l’anno della limitazione, a volte assenza, dei contatti umani. 

Tuttavia c’è sempre qualcuno che riesce ad aggirare le avversità, magari progettando un prodotto che sia in grado di unire i contenuti in Live Streaming e Video Conferencing con un sistema di interazione fra i partecipanti e si dà il caso che questo qualcuno appartenga al territorio svizzero. 

 

Che cos’è WYTH?

Samuele Franzini, CEO di Amigdala ci racconta del suo nuovo progetto: WYTH. Una Suite di prodotti digitali che non solo supporta lo streaming di eventi Live ma che, attraverso altre funzioni come  le Chat, consente la creazione di vere e proprie Community Online. 

WYTH Plaza, ad esempio, utilizza degli algoritmi per creare dei Match tra utenti Online durante un evento, consentendo l’interazione tra le parti. L’ultima frontiera del Nurturing: non solo durante ma anche dopo lo Streaming gli utenti hanno la possibilità di comunicare tra loro o con le aziende. Pensiamo agli eventi Corporate o alle fiere: fino all’incontro successivo, le aziende, hanno la possibilità di restare in contatto con gli utenti interessati, aggiornandoli su prodotti e news. 

Dal 2018 Amidgala stava lavorando al progetto WYTH, lanciato a giugno 2020 subito dopo il primo Lockdown e reso noto grazie all’evento “Heroes” che ha connesso più di trentottomila utenti.

 

Come funziona WYTH?

Innanzitutto WYTH non richiede App da scaricare ma funziona con qualsiasi browser. Plus: è possibile trasmetterlo sul proprio TV attraverso le Chromecast o Apple TV.

Durante l’evento l’algoritmo selezionerà i contatti online che hanno gli stessi interessi “matchandoli” e invitandoli a interagire in chat o video-chat. Un po’ come quando ai concerti si fa amicizia con le persone intorno ma con la sensazione di essere in una stanza privata come ad una festa, un concetto quanto mai attuale oggi, dopo l’exploit di Clubhouse. 

 

A chi si rivolge WYTH?

Il segmento di riferimento è sicuramente quello degli eventi High End. 

Si rivolge ai partners: service, agenzie digitali, event planners. Ma c’è di più: i potenziali clienti di WYTH sono in tutto il mondo nonostante, per il momento, i partner siano esclusivamente europei. Samuele, però, anticipa: per il 2022 c’è in programma il lancio di un Network globale che coinvolgerà, quindi, anche USA o l’Asia. 



Come funziona il Partner Program?

WYTH è sempre aperto a nuove Partnership e l’offerta si rivolge a tutti coloro che vogliono proporre una soluzione completa e scalabile ai loro clienti di fascia alta.

Sono i Partner a gestire l'implementazione e la distribuzione di WYTH per i clienti nei rispettivi territori in maniera autonoma.

Ad ogni nuovo Partner, inoltre, WYTH offre formazione gratuita sul sistema e un anno di supporto backend gratuito. Per saperne di più, visitate il loro sito: it.wyth.live 

 

Perché WYTH?

Amidgala, la società da cui nasce WYTH, ha sempre cercato le più innovative forme di interazione fisico-digitale e WYTH ha semplicemente risposto alla crisi pandemica: un periodo in cui qualsiasi forma di evento si è vista costretta alla digitalizzazione, cercando quindi di riportare la componente “umana” al centro dell’evento e riuscendo a creare un equilibrio perfetto fra le più innovative soluzioni digitali e la cara, vecchia, insostituibile socializzazione. Non è poi questo, il futuro?

avatar

Marianna Barracane

Editor e SEO Copywriter, con una lunga esperienza nel mondo dell'Affiliation Marketing. Adora i Social Media e le riviste di moda. In Ander Group è Content Strategist e si occupa delle strategie di contenuto web e social sia corporate che per i clienti.