<img alt="" src="https://secure.leadforensics.com/222484.png" style="display:none;">
Skip to content
Paolo Domenighetti 05 gennaio 2022 10 min read

Goodcode, Good News: AWS arriva in Svizzera

Secondo un -ormai famoso- comunicato stampa del novembre 2020, arriveranno a Zurigo, nella seconda metà del 2022, tre zone di disponibilità, ovvero, data center fisici costruiti sul territorio. Amazon Web Services comunica che il suo piano è quello di fornire a sviluppatori, start-up e imprese, ma anche a organizzazioni governative, educative e no-profit, la capacità di eseguire le loro applicazioni e servire gli utenti finali dai data center situati in Svizzera: i dati generati qui non lasceranno il Paese.

AWS è una filiale Amazon che fornisce servizi cloud, offrendo una potenza di calcolo sicura e scalabile, archiviazione di database, content delivery e molto altro. In poche parole, permette alle aziende di qualsiasi dimensione di costruire applicazioni sofisticate o grandi servizi di trattamento e distribuzione dei dati. Propone più di 50 servizi disponibili a diversi livelli di composizione e complessità. Alla base dello stack troviamo i servizi di infrastruttura, come la potenza di calcolo, le opzioni di archiviazione, la rete e i database; questo sistema è disponibile su richiesta, in pochi secondi, con prezzi pay-as-you-go. Questo significa che le aziende come
Goodcode possono ottenere l’accesso alle risorse hardware virtuali necessarie velocemente, per accomodare ogni cambiamento organizzativo o di mercato. Ma le caratteristiche più visibili esposte dal cloud AWS includono i servizi strutturati che permettono una dettagliata gestione
della sicurezza e degli accessi, motori di database, configurazioni di server, automazione nella configurazione e creazione di risorse, crittografia e potenti strumenti di big data che permettono, a chi fa il nostro lavoro, di rimanere concentrati sul loro core business invece di preoccuparsi delle infrastrutture IT. La sicurezza nel cloud supera di gran lunga quella offerta dalla sua controparte tradizionale, cioè quella on-premises, e ha come effetto implicito di essere implementata correttamente per default. La crittografia dei dati a riposo e in transito, i moduli di sicurezza hardware e una forte sicurezza fisica nell’architettura dei data center implementano qualsiasi requisito di conformità, governance e regolamentazione, in accordo con le leggi del Paese che ospita le regioni scelte.

 

Facilità d'uso: progettato per consentire ai fornitori di applicazioni. Il client CLI e le API di AWS Management Console/web services possono essere utilizzate per accedere alla piattaforma di hosting delle applicazioni di AWS.

Flessibilità: permette agli utenti di scegliere il sistema operativo, il linguaggio di programmazione, la piattaforma dell'applicazione web, il database e altri servizi come richiesto. C'è un servizio per ogni esigenza e gli utenti hanno la possibilità di costruirsi l'esatta infrastruttura che funziona per loro.

Convenienza: gli utenti pagano solo per la potenza di calcolo, lo storage e le altre risorse utilizzate, risultando molto conveniente rispetto a una infrastruttura on premise.

Sicurezza: indipendentemente dalle dimensioni dell'azienda in questione, AWS offre una sicurezza end-to-end di prima classe nei suoi servizi e centri dati. I data center di Amazon sono dotati di personale di sicurezza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, con sistemi di sorveglianza elettronica all'avanguardia e sistemi di controllo degli accessi a più fattori.

Prestazioni e scalabilità: la solida ed estesa infrastruttura di Amazon permette agli utenti di AWS di scalare verso l'alto o verso il basso in base alla domanda e di gestire eventuali
picchi.

Affidabilità: AWS fornisce un'infrastruttura globale scalabile e sicura che riduce al minimo i tempi di inattività, recupera rapidamente da qualsiasi guasto e acquisisce dinamicamente le risorse necessarie per soddisfare la domanda e mitigare le interruzioni.

Le regioni di AWS consistono in zone di disponibilità (Availability Zone), che sono data center in luoghi geografici separati e distinti con una distanza sufficiente a ridurre significativamente il rischio che un singolo evento abbia un impatto sulla continuità del business degli utenti, ma
abbastanza vicini da fornire una bassa latenza per applicazioni ad alta disponibilità. Ogni Availability Zone ha alimentazione, raffreddamento e sicurezza fisica indipendenti ed è collegata tramite reti ridondanti a bassissima latenza. In genere gli utenti che necessitano di un’alta disponibilità possono progettare le loro applicazioni per essere eseguite in più Availability Zone per ottenere una tolleranza di errore ancora maggiore: questo è quanto
avviene con il sistema di applicativi per la distribuzione di dati in tempo reale del servizio di statistiche e predizione del Corriere del Ticino, gestito da Goodcode, il cui dataset massivo risiede in due regioni diverse copiate in due zone di disponibilità diverse, ma viene distribuito con bassissima latenza grazie alla Content Delivery Network di AWS.

AWS ha l’infrastruttura di datacenter e edge locations globale più estesa di tutti. Ha costruito 81 Availability Zones (data center) all’interno di 25 regioni geografiche in tutto il mondo, e ha annunciato piani per 27 ulteriori Availability Zones e 9 ulteriori regioni in Australia, Canada, India, Indonesia, Israele, Nuova Zelanda, Spagna, naturalmente Svizzera ed Emirati Arabi Uniti. La regione più vicina geograficamente a Goodcode è per ora AWS Italia (Milano) che ha aperto all’inizio del 2020. I lavori sono in corso per completarne un’altra in Spagna, oltre ad altre due situate in Indonesia e Giappone. La regione AWS di Zurigo diventerà l’ottava regione in Europa. Si aggiungerà a quelle già aperte a Dublino, Francoforte, Londra, Parigi, Stoccolma, Milano e a quella annunciata per la Spagna.

Ma perché è tanto importante AWS Zurigo? L’aggiunta di questa regione permetterà agli utenti locali con requisiti di residenza dei dati di archiviare i loro dati in Svizzera, con la garanzia di mantenere il controllo sulla posizione dei loro dati, fornendo anche una latenza ancora più bassa in tutto il Paese. Chi utilizzerà questa regione sarà però anche in grado di accedere a tecnologie avanzate dal leader mondiale del cloud con la più ampia e profonda suite di servizi cloud tra cui analitica, intelligenza artificiale, calcolo, database, Internet of Things (IoT), machine learning, servizi mobili, tecnologie serverless, storage e altro ancora
dalla Svizzera!

Molte aziende svizzere stanno già utilizzando i servizi cloud di Amazon Svizzera lanciati nel 2006. Nel 2016, il primo ufficio AWS è stato aperto a Zurigo, con un altro situato a Ginevra solo dodici mesi più tardi. La nuova regione permette quindi di rispondere a una forte domanda del mercato elvetico che include, ad esempio, l’obbligo che i dati svizzeri siano memorizzati esclusivamente nel Paese.

AWS porta una regione con gli stessi alti livelli di protezione dei dati, privacy degli utenti e conformità normativa alle altre regioni del mondo: una grande notizia per noi e per qualsiasi tipo di organizzazione.

aws goodcode 1

Nel 2008 ho letto un interessante articolo in cui veniva intervistato Andy Jassy (oggi CEO di Amazon) che descriveva l’infrastruttura del data center che ospita le piattaforme e gli ambienti dedicati ai servizi di vendita e logistica degli shop Amazon. L’affermazione più visionaria e coraggiosa che vi trovai era che da poco Amazon aveva cominciato ad affittare o vendere i servizi di calcolo e di storage già presenti nella propria infrastruttura.
A quei tempi la virtualizzazione era per me nota solo on-premise: l’idea di poter affittare, o meglio, comprare delle macchine virtuali su una infrastruttura fisica già formata e messa in sicurezza, disponendo di una interfaccia grafica per controllarla e estenderla e un metodo chiaro e trasparente di calcolare i costi.

Quando conobbi Florian Anderhub, una decina di anni fa, mi aveva colpito il fatto che pure lui conoscesse AWS e che già disponesse di qualche account creato per la sua azienda, Ander Group, che è stata a tutti gli effetti e concertezza uno degli early adopter di AWS in Ticino.

L’utilizzo di AWS da parte delle nostre aziende è cambiato, si è evoluto nel tempo in parallelo all’evoluzione dell’offerta stessa di AWS. Ricordo che inizialmente utilizzavamo solo i servizi considerati di base, come lo storage, il backup e le macchine virtuali. Con l’arrivo di servizi sempre più strutturati, l’implementazione delle nostre piattaforme si è evoluta e i progetti hanno potuto diventare più complessi, fino ad arrivare ai servizi di Machine Learning di Goodcode che utilizzano massivamente Amazon Textract oppure i servizi di DevOps.

L’arrivo di AWS in Svizzera è certamente un treno sul quale vogliamo e dobbiamo salire. La disponibilità di una regione sul territorio svizzero risolve in un certo senso l’unico difetto di AWS per noi e i nostri clienti: la possibilità di finalmente disporre dei servizi AWS erogati dalla Svizzera e con lo stoccaggio dei dati nel nostro Paese.

Paolo Domenighetti
Founder & CEO
Goodcode

avatar

Paolo Domenighetti

CEO e Co-Founder di Goodcode. Paolo ha innumerevoli interessi e tra questi ci sono anche la Crittografia Omomorfica e la Cybersecurity su cui tiene conferenze e scrive articoli. Dopo anni da consulente e CTO, fonda la sua Software House con l’amico e Partner Florian Anderhub, dando inizio ad una collaborazione con l’agenzia di Branding e Marketing Ander Group.