Perché WordPress è solo un sellino mentre HubSpot è una bicicletta

Blog_W23_2
  • Florian Anderhub

    Florian Anderhub

    Dopo aver conseguito un Master in comunicazione all’Università della Svizzera Italiana, dal 2006 Florian Anderhub guida Ander Group. L’estrazione multiculturale, i 18 anni da imprenditore e la passione per l’innovazione tecnologica sono una garanzia di crescita per i suoi clienti.

    Performance 29 maggio, 2 min di lettura

Fare un sito con WordPress è come acquistare un sellino e pensare di poter andare in bicicletta.

L'impressione è quella di aver fiutato l'affare, perché l’unico investimento necessario è l’acquisto del dominio: la tecnologia è gratuita o, come viene definita tecnicamente, Open Source; la veste grafica, anch’essa rigorosamente gratis, è responsive e il protocollo di sicurezza https:// è (quasi sempre) già installato. Tutto quello che ci separa dalla pubblicazione del nostro sito è la creazione dei contenuti: dopodiché non dovremo far altro che monitorare il posizionamento su Google.

Un sito non basta per creare valore nel tempo

Purtroppo non funziona proprio così: è tutto un po’ più complesso di quello che i Blog Online promettono a titolo gratuito. Come per andare in bicicletta non basta comprare un sellino, per gestire una presenza digitale capace di generare valore nel tempo non è sufficiente un sito carino.

I fondamenti della presenza digitale

Per creare valore online, è necessario invece partire da 3 fondamenti:

  • la presenza digitale è la somma di diversi punti di contatto o Touchpoint (sito, social media, email, …);
  • per essere "digeriti” e posizionati bene su Google servono contenuti che rispondano alle domande degli utenti;
  • è necessario declinare la comunicazione sui diversi formati e canali in modo da incontrare le esigenze di varie tipologie di utenti.

In altre parole, una comunicazione efficace deve fornire a ogni utente il contenuto giusto al momento giusto, nel formato e sul canale che preferisce.

La soluzione non è un canale, ma un ecosistema

Per gestire questa complessità, quello che serve è un ecosistema capace di far confluire tutti i punti di contatto, raccogliere nuovi contatti e tracciare il comportamento del pubblico di riferimento. Ed è chiaro che con un sito basato su una qualsiasi piattaforma gratuita è difficile e molto oneroso produrre questi risultati.

Perché abbiamo scelto HubSpot

Per questa ragione, dopo quasi 20 anni di attività abbiamo scelto per noi e per i nostri clienti una piattaforma di Marketing Automation come HubSpot, che permette di:

  • centralizzare la gestione di tutti i Touchpoint (sito, social media, Newsletter, Chatbot, CRM, ...);
  • coltivare un unico Database per profilare e segmentare gli utenti nel tempo con sempre maggiore accuratezza;
  • associare il comportamento degli utenti al loro profilo per segmentare e profilare la Community;
  • personalizzare e automatizzare le comunicazioni affinché rispecchino sempre meglio le esigenze specifiche del singolo utente;
  • congiungere e consultare su un’unica Dashboard i dati analitici tracciati da diverse piattaforme, monitorando e ottimizzando l’ecosistema in modo globale e accurato.

Insomma: HubSpot non ti fornisce solo il sito o un singolo canale, non ti mette a disposizione solo il sellino o solo le ruote. È una bicicletta fatta e finita, per di più di grande qualità e tecnologicamente all’avanguardia.

Digital Transformation: investire in tecnologia e misurare l’investimento

Digital Transformation significa proprio ripensare il Business investendo nel mezzo tecnologico, e misurare il riscontro concreto che gli investimenti producono. Un sito basato su soluzioni gratuite non è un investimento, e quindi non presuppone riscontri misurabili.

Al contrario, per sfruttare il potenziale del digitale oggi servono strumenti come HubSpot, che è capace di gestire ecosistemi multi-canale, di costruire Database profilati e altamente segmentati e di offrire risultati misurabili e ottimizzabili nel tempo.

Per creare valore, a maggior ragione nel digitale, bisogna pedalare: non sedersi sulle false promesse!

P.S. Se stai per obiettare che per andare in bicicletta non basta averne una ma bisogna saperla usare, ho già la risposta pronta: in qualità di Platinum HubSpot Partner (primi e unici in Ticino!) noi di Ander Group siamo pronti a guidarti alla scoperta di HubSpot, fornendoti tutta la formazione necessaria per imparare a utilizzarlo e garantendoti un supporto costante. Ma di questo ne riparleremo con calma più avanti.

  • Florian Anderhub

    Florian Anderhub

    Dopo aver conseguito un Master in comunicazione all’Università della Svizzera Italiana, dal 2006 Florian Anderhub guida Ander Group. L’estrazione multiculturale, i 18 anni da imprenditore e la passione per l’innovazione tecnologica sono una garanzia di crescita per i suoi clienti.

    Performance 29 maggio, 2 min di lettura

Articoli correlati

Performance

Le 10 caratteristiche di un buon sito web (con Focus sulla Homepage)

Aspetti-chiave senza i quali un sito non riuscirebbe ad assolvere la sua funzione principale, quella di aumentare conversioni e vendite per l'azienda. Ecco le caratteristiche di un buon sito web.

Emanuel Paglicci
Emanuel Paglicci

03 novembre, 6 min di lettura

Performance

Quanto costa pubblicizzare il sito su Google

La risposta più frequente è che dipende da vari fattori. È vero ma si può essere più precisi di così.

Emanuel Paglicci
Emanuel Paglicci

08 agosto, 11 min di lettura

Performance

Ottimizzare un sito per i dispositivi Mobile e gli Smartphone

Le statistiche fornite da società autorevoli come Smart Insights dimostrano, in modo inequivocabile, che l’utilizzo dei dispositivi portatili (Mobile) nel mondo e nei paesi più avanzati, abbia da tempo sopravanzato quello dei dispositivi fissi (Dekstop).

Pietro Soddu
Pietro Soddu

19 settembre, 8 min di lettura