Brand Asset Management: ordinare la complessità

Creare una Brand Identity unica, definire le sue regole di utilizzo, declinarle su tutti i supporti dell’azienda, mantenere coerente e attuale la sua comunicazione nel tempo. Quello che portiamo avanti dal 2010 con ESMO può essere definito come il progetto di Branding ideale: perché ci ha visti coinvolti nella creazione del Brand e continua a vederci protagonisti della gestione di un marchio ricco di contenuto e internazionale. 

Un Rebranding prezioso

Il primo step è stato un Rebranding dell’azienda con l’obiettivo di esprimere il dinamismo e l’evoluzione della ricerca. Insieme al cliente, abbiamo così ideato una nuova grafica istituzionale molto riconoscibile basata sulla metafora del diamante, che richiama la precisione, la struttura e la qualità dell’associazione, i cui elementi sono collegati attraverso una struttura cristallina. 

Le regole di utilizzo della nuova grafica sono state poi riassunte nelle Brand Guidelines e applicate all’enorme gamma di prodotti e servizi di ESMO, che fino a quel momento non erano legati da un’identità visuale comune.

La sfida del Brand Asset Management

Quando si affronta un progetto di questo tipo per un’organizzazione così complessa, tuttavia, non è l’inizio del progetto la fase più complicata. La vera sfida è riuscire a gestire il Brand nel tempo, garantendo sempre al cliente coerenza nella comunicazione e rispetto delle linee guida. In tre parole: Brand Asset Management.

Un nuovo metodo di lavoro

Per gestire il Brand ESMO abbiamo introdotto una novità che si è rivelata preziosa negli anni: un nuovo processo che abbiamo sviluppato per riuscire a raccogliere una grande mole di richieste e offrire a noi stessi e al cliente una panoramica completa sui progetti aperti. Per farlo abbiamo utilizzato Smartsheet, una piattaforma per l’esecuzione del lavoro alla quale hanno accesso sia i membri del nostro Team che le persone di ESMO con le quali lavoriamo.

Efficienza e trasparenza

In un file suddiviso per Brand dell’azienda e per eventi, ogni membro dell’associazione ha la possibilità di intervenire nella propria sezione di competenza e di assegnare un nuovo Task ad Ander Group. Una volta che il Task è stato aperto, utilizzando i commenti di Smartsheet è possibile intavolare una discussione per definire i dettagli del progetto. Ogni membro ha completo accesso al file, all’interno è possibile dettagliare i costi di ogni Task, prestabiliti sulla base di una price List, e aggiornare lo Status di ogni attività: si tratta quindi di un sistema completamente trasparente, che tutela sia il cliente, sia noi.

Un archivio online

Altro Tool fondamentale che utilizziamo per il Brand Asset Management di ESMO è Frontify: una libreria digitale all’interno della quale è possibile archiviare tutti gli elementi e i supporti realizzati per un’organizzazione nel tempo (template, logo, materiali cartacei, ecc), in modo da poterli avere sempre a portata di mano nel caso in cui servissero in futuro. Questo si rivela particolarmente utile per noi, nel caso in cui dobbiamo rilavorare a un progetto a distanza di tempo, al cliente, che può svolgere piccole attività in autonomia, e a eventuali altri fornitori impegnati a sviluppare supporti diversi relativi agli stessi prodotti e servizi.

Linee guida digitali

Infine, Frontify ci ha dato la possibilità di trasferire in digitale le Brand Guidelines che in precedenza esistevano solo in formato cartaceo: in questo modo, chiunque ha la necessità di realizzare dei materiali di comunicazione per ESMO ha a completa disposizione tutti gli elementi già ideati in precedenza, e può consultare agevolmente le regole definite per utilizzarli.

Raccontiamo chi siamo attraverso quello che facciamo.
Resta aggiornato