Blog

Quanto costa pubblicizzare il sito su Google

quanto_costa_google.jpg
author

Emanuel Paglicci
Primo in Ticino ad aver introdotto HubSpot e la metodologia Inbound, 15 certificazioni acquisite. Contributor nel blog di SEMrush e Webintesta.it. Co-docente del corso: APF Specialista in Marketing (SMS School). Speaker e Autore del libro "I contatti servono se sai trasformarli in clienti ricorrenti" (Dario Flaccovio editore).

#google   #SEO   #genera-nuovi-contatti  

La risposta più frequente è che dipende da vari fattori. È vero ma si può essere più precisi di così.Approfondiamo l’argomento perché, se è vero che sono tante le variabili in gioco ed è impossibile stabilire un’unica tariffa, è altrettanto certo che esiste comunque una base dalla quale partire.

Un minimo investimento è necessario e prevede una soglia incomprimibile al di sotto del quale è impossibile andare (diventerebbe quindi solo una spesa, inefficace e inutile).

Google e i motori di ricerca: perché servono alla tua attività

Google è il motore di ricerca più utilizzato nella maggior parte dei Paesi del mondo. Se ad esempio negli Stati Uniti la percentuale degli utilizzatori si aggira intorno al 60% (con concorrenti come Yahoo e Bing) in Italia supera il 90%, in Svizzera l'80%.

Questo significa che la quasi totalità delle persone che utilizzano Internet passa da Google per cercare ciò di cui ha bisogno. Un motivo più che valido per portare l'impresa online e aumentare al massimo la visibilità del sito aziendale sul motore di ricerca.

Per ottenere questi risultati è necessario svolgere un accurato lavoro di posizionamento SEO, in grado di assicurare un posto tra le prime posizioni dei risultati di ricerca.

Come si fa a raggiungere questo traguardo? Tutto ruota intorno alla scelta strategica dei topic e delle Keyword più significative per il business. Posizionarsi in prima pagina con una parola chiave come “Ristorante calabrese a Lugano” sarà abbastanza semplice, vista la scarsa competitività. “Ristorante italiano a Lugano” oppure semplicemente “Ristorante a Lugano” richiede un lavoro molto più sofisticato e competente da parte di un consulente SEO, perché i Competitor sono tantissimi e i risultati disponibili in prima pagina solo 10.

Quindi? Il segreto sta nella scelta della Keyword più specifica, la long-tail (a coda lunga, con tre-quattro parole di seguito) quella più “differenziante” per caratterizzare l’attività e farla spiccare sulla concorrenza omologata e uniforme. Questa ricerca dell’elemento differenziante, fa parte del Brand Positioning nel quale siamo specializzati. In un mercato sempre più competitivo, essere online e trovare il tratto distintivo in grado di far emergere la tua attività e sbaragliare la concorrenza, è di vitale importanza per l'attività.

Ma c’è un altro punto da prendere in considerazione con molta serietà: l’importanza che le parole chiave hanno per gli utenti e il numero di persone che ogni giorno si mostra interessato a quelle Keyword in modo specifico. Rimanendo sull'esempio: è evidente che la Keyword “ristorante a Lugano” è senza dubbio molto ricercata, da una gran quantità di persone.

L’interesse del ristoratore nel farsi trovare è al massimo ma purtroppo posizionarsi in prima pagina è difficile per via dell’elevata concorrenza. Mentre per la Keyword “ristorante calabrese a Lugano” sarà molto più semplice posizionare il sito del nostro cliente, ma quante persone effettivamente cercheranno queste esatte parole su Google ogni giorno? Molte di meno!

Per questo motivo è importante trovare un equilibrio tra il volume di ricerca della Keyword e la capacità di differenziarsi dalla concorrenza per cercare di arrivare in cima ai “preferiti” di Google.

Impresa non facile che necessita del lavoro di un team coordinato di professionisti, per scegliere le giuste Keyword dal punto di vista SEO ma anche per lavorare bene sul fronte del Copywriting e dell’Inbound Marketing e posizionare il sito, una volta scelte le parole chiave.

 

Come riusciamo dunque a riconoscere queste parole così importanti? Ci sono molti strumenti per effettuare queste ricerche, alcuni gratuiti ed altri a pagamento; chiaramente l’esperienza e le competenze tecniche di un team di Marketing permettono di impostare al meglio e ottimizzare l’utilizzo di questi Tool.

Keyword Planner, Semrush, Google Trends, Seozoom, Ubersuggest (per le keyword correlate): i Tool disponibili sono numerosi, la fase più delicata del piano di Marketing necessita ora di una consulenza specifica e condotta in modo professionale per non correre il rischio di scegliere quelle sbagliate.

Tutte queste informazioni ci conducono ad una prima importante considerazione sul prezzo da mettere in conto per cominciare il lavoro di posizionamento SEO del sito aziendale: si parte da 300/400 CHF per un’analisi SEO del sito e la ricerca delle Keyword più rilevanti ai 650 CHF per l’ottimizzazione delle pagine principali fino agli 800/1.000 CHF per un’analisi più approfondita e dettagliata.

I servizi aggiuntivi possono comprendere ad esempio:

  • un confronto con la concorrenza
  • la creazione di pagine speciali per il posizionamento
  • l’ottimizzazione della navigazione da mobile.

Ogni progetto di ottimizzazione e posizionamento SEO richiede mesi per produrre i risultati attesi. Una volta conquistato il traguardo, bisognerà mettere in conto un lavoro di mantenimento mensile per monitorare in modo costante la situazione, correggere eventuali errori e implementare la strategia.

Per un lavoro accurato e risultati certi e misurabili, possiamo fare un primo bilancio dopo circa sei mesi. Ma è entro l’anno che tireremo le somme anche a livello di conversioni e di aumento delle vendite/fatturato per l’azienda.

Troppo tempo? Nulla vieta nel frattempo di spingere l’impennata dell'azienda e del prezioso lavoro di posizionamento online grazie a qualche campagna a pagamento.

Ne vale la pena, a giudicare da questi dati.

Quante persone usano Google per cercare informazioni da mobile e da desktop?

Parliamo solo dell’utilizzo di Google a livello mondiale, senza tener conto dei social media o in generale della navigazione su altri siti. Se quindi nella media mondiale circa il 75% delle persone utilizza Google da desktop, il suo utilizzo da Mobile fa numeri da capogiro: parliamo di un miliardo di persone nel mondo, tra Smartphone e Tablet. Ed è una tendenza in costante crescita. Interessante notare che di questi utenti ben l’80% accede a Internet più volte al giorno, mentre la restante parte in modo saltuario durante il mese.

In Italia, ad esempio, sono oltre 25 milioni le persone che utilizzano Internet da Mobile.

Esistono diversi tipi di pubblicità su Google per il tuo Business

Google permette di utilizzare un importante strumento per la pubblicità del sito e il miglioramento del suo posizionamento: gli annunci sponsorizzati Adwords.

 

Differenza tra Pay-Per-Click (AdWords) e posizionamento organico

Il traffico che proviene da Google può arrivare in via “naturale” oppure essere sponsorizzato.

Il traffico naturale è legato al posizionamento organico che, come abbiamo avuto modo di valutare fino a questo momento, mostra i primi risultati nel medio-lungo periodo. Una volta conquistati però riescono a garantire visibilità al sito e soprattutto assicurano continuità al lavoro svolto, basato sul posizionamento delle keyword più rilevanti per il business aziendale.

Il traffico sponsorizzato invece è a pagamento e si ottiene grazie alle diverse tipologie di annunci messi a disposizione dal servizio Adwords.

Non è una semplice pubblicità: non si tratta di esporre un Banner su una pagina di un portale, ad esempio. Il meccanismo alla base del funzionamento di Adwords è molto più Smart e per questo potente ma soprattutto selettivo nei confronti del Target di potenziali clienti e degli intenti di ricerca.

Grazie all’utilizzo di Adwords infatti riusciamo a dare immediata visibilità alle famose Keyword scelte per l'azienda e che però, attraverso il lavoro di posizionamento Seo organico, richiederebbero mesi per posizionarsi in maniera naturale.

Una campagna Adwords è in grado di offrire risultati molto più immediati, è evidente!

Non senza svantaggi da prendere in considerazione però:

  • innanzitutto i risultati raggiunti sono “effimeri” nel senso che durano per il tempo della campagna in atto, senza visibilità per il futuro
  • ogni annuncio sponsorizzato ha un costo, variabile e in alcuni casi anche piuttosto impegnativo, come vedremo.

Ricapitolando:

Il posizionamento organico:

  • sceglie le Keyword
  • costruisce contenuti specifici e di qualità per posizionarle
  • ottimizza il sito che deve essere veloce, facile da navigare
  • deve essere Responsive per lavorare anche da Mobile
  • deve tener conto degli algoritmi di Google Panda, PenguinHummingbird.
  • mostra i primi veri risultati nel medio-lungo periodo.

Il PPC Adwords:

  • sceglie le Keyword e le mette in evidenza pagando un tot per click (PPC)
  • richiede un Budget giornaliero da spendere per ottenere risultati
  • i risultati sono rapidi ma misurabili solo nel breve periodo
  • terminato il Budget, non ci sono più effetti sul lungo periodo

Il costo di AdWords: un esempio concreto per capire come funziona

Quanto costa una campagna Adwords? Diciamo che in realtà possiamo decidere insieme il costo, nel momento in cui andiamo a definire il Budget giornaliero.

Infatti per allestire una campagna dobbiamo prima di tutto:

  • creare degli annunci di testo ad-hoc (oppure anche illustrati)
  • a questi associare le parole chiave che abbiamo scelto
  • quando le persone le andranno a digitare nella barra di Google, l’annuncio riuscirà ad “apparire”.

Queste Keyword hanno un costo, che dipende da vari fattori (un costo di pochi centesimi o qualche franco, dipende dai volumi di ricerca e dalla competitività). Diciamo che possiamo paragonare il pagamento delle Keyword ad una sorta di asta, nella quale chi offre di pagare di più si aggiudicherà la posizione più alta nei risultati di Google, rispetto agli annunci della concorrenza.

Ogni volta che una persona potenzialmente interessata clicca sull’annuncio, dovremo corrispondere il costo della Keyword, che verrà scalato dal budget giornaliero preimpostato.

Facciamo un esempio: possiamo stabilire che una campagna di annunci sponsorizzati per il ristorante non dovrà mai superare i dieci CHF giornalieri. Supponiamo (semplificando al massimo perché si possono combinare anche più keyword) di far apparire l'annuncio ogni volta che qualcuno digita “ristorante Lugano”.

E supponiamo per questa Keyword di pagare a Google ogni volta 0,50 CHF. Ecco allora che l'annuncio apparirà tante volte fino a quando i click delle persone non raggiungeranno il Budget. Avendo impostato 10 CHF, al primo click il Budget diventerà 9,50 CHF, poi 9 CHF e così via. Al massimo in un giorno, potranno cliccarci su 20 persone. Terminato il Budget della giornata, l’annuncio non apparirà più e non si corre così il rischio di spendere altri soldi.

Google Adwords: tipologia di annunci che funzionano

Abbiamo fatto riferimento, fino a questo momento, ai tipici annunci di Adwords che appaiono nei risultati di ricerca di Google, la cosiddetta Serp. Ovviamente le azioni possibili sono molto più specifiche di così e possiamo scegliere contesti diversi a seconda del punto in cui ti trovi nel tuo funnel di vendita.

Annuncio di testo nei motori di ricerca

Possiamo optare per:

  1. Banner nel Google Display Network, che sono illustrati e appaiono nella barra laterale, sempre con funzionamento PPC
  2. Annuncio Shopping, presenti nella barra laterale della pagina dei risultati di Google, di solito disposti su tre colonne, ideali per mostrare capi di abbigliamento
  3. Annuncio Video su YouTube, è l’annuncio che appare prima del video, che si può bypassare con il noto pulsante salta annuncio
  4. Annunci in Gmail, vengono inviati in forma di e-mail su account Gmail
  5. Annunci in App Mobile, studiati per Smartphone e Tablet.

 

Come dicevamo, la scelta di un annuncio, dipende dagli obiettivi che vogliamo raggiungere, dal target di clientela, dalla tipologia di servizio offerto. Per il ristorante a Lugano ad esempio si può decidere di dare maggiore visibilità alla terrazza con posti a sedere sul lungolago oppure settare annunci che spingano a stimolare la domanda di buffet a domicilio o di servizi di catering.

Quello di Google Adwords è uno strumento di Marketing di cui si sente parlare spesso perché è straordinariamente potente e porta risultati notevoli al fatturato aziendale. A patto ovviamente che sia impostato e gestito con competenze specifiche: come si intuisce è facile farsi prendere la mano e impostare le varie campagne, dissipando il Budget.

Ma le variabili in gioco sono troppe e l’attenzione a non commettere errori deve essere elevata, altrimenti si rischia di perdere energia, tempo, risorse e denaro.

 

Il costo medio del posizionamento organico: perché è conveniente rispetto ad AdWords?

Rimane evidente a questo punto la differenza tra i costi preventivati per il posizionamento organico e quelli appena ipotizzati per una campagna di base di Google Adwords. Sono cifre che contemplano parole chiave da 0,50 CHF ma per alcune keyword i costi possono lievitare parecchio.

Un esempio? La Keyword “avvocato” negli Stati Uniti costa 130 dollari a click!

Un esempio concreto di posizionamento Seo: intenti di ricerca e visibilità per la tua azienda

Quando elaboriamo una strategia di posizionamento per un’azienda cliente, cominciamo un vero e proprio lavoro “sul Brand”: vivere il Brand ci permette di compiere il primo passo, quello determinante per il successo dell’intera strategia.

Parliamo dell’individuazione delle Keyword, il passaggio decisivo per tutto il piano strategico che seguirà. Questo lavoro è molto affascinante perché non si tratta semplicemente di individuare le parole chiave del tuo Business: ad esempio ristorante, ristorante Lugano, ristorante lago Lugano.

Quello che ruota intorno alle Keyword in realtà è un concetto più ampio: la query.

Si tratta delle “interrogazioni” rivolte al motore di ricerca, vere e proprie domande che ormai le persone pongono “all’amico” Google. Ad esempio: “Cosa fare stasera a Lugano” oppure “Come stupire una ragazza al primo appuntamento”…

Per entrambe le domande, la risposta potrà ben essere quella di una cena al ristorante!

Come emerge da questo esempio lampante, nessuno degli utenti ha cercato in maniera diretta un ristorante a Lugano. Ma un Team esperto intercetta anche le intenzioni delle ricerche da parte delle persone e quindi propone una cena al ristorante come soluzione.

Tante volte infatti le persone cercano di risolvere un problema rivolgendosi a Google ma senza sapere di preciso cosa stanno cercando.

Il posizionamento su Google Maps per le attività locali

Dal tipo di ragionamento che abbiamo condotto fino a questo momento è davvero evidente il vantaggio sui Competitor che emerge grazie a questo lavoro di posizionamento. In particolare per il ristorante -quindi un business di prossimità legato al territorio- il posizionamento su Google Maps assicura una presenza online e una visibilità indispensabili per un’azienda locale di Lugano e del Ticino.

Se su Google le persone cercano un ristorante, i primi locali visualizzati sono quelli suggeriti dalle mappe di Google!

La prima operazione da compiere quindi riguarda l’iscrizione e la compilazione della scheda aziendale su Google My Business. Quante più informazioni utili e indicazioni precise si inseriscono per i clienti, tanto più il locale acquisirà visibilità ai loro occhi.

Il funzionamento qui è diverso rispetto ai siti Web: non ci sono Backlink né contenuti per posizionarsi e l’ottimizzazione di questi dati è cruciale.

La Local Search segue regole diverse di ricerca:

  1. Uno dei punti cardine sulla quale si fonda sono le recensioni dei clienti, che vanno gestite in maniera ottimale per non subire danni d’immagine nel caso di commenti negativi e trarre beneficio invece dalle valutazioni positive.
  2. L’altro elemento altamente differenziante per la visibilità del "ristorante a Lugano" è la possibilità di pubblicare immagini. Foto degli interni, dei piatti, degli allestimenti catering: tutto deve rimandare ad un’immagine professionale dell'attività.
  3. Per quanto riguarda invece le informazioni indispensabili per la Local Search su Google Maps, non possono mancare: 
    1. descrizione del Business
    2. Title (o titolo) meglio se nome attività+località
    3. categoria dell’attività commerciale
    4. recensioni dei clienti
    5. pagina dei contatti
    6. video oltre che foto

In conclusione, abbiamo valutato le diverse possibilità a disposizione per pubblicizzare il sito, sia attraverso il posizionamento organico (quindi naturale) che a pagamento.

I costi dell’uno e dell’altro metodo devono essere oggetto di un’attenta analisi in fase di definizione della strategia di marketing aziendale: in questo modo saremo certi non solo di rispettare il Budget a disposizione ma anche di essere sempre allineati in base agli obiettivi da raggiungere.

Per sapere quanto costa pubblicizzare il tuo sito su Google, puoi richiedere subito la consulenza gratuita di Ander Group.

Quanto costa pubblicizzare il sito su Google